Foglia

Questa pagina è in attesa di essere ampliata. Vedi le altre pagine da completare.

Questa pagina è in attesa di essere ampliata. Vedi le altre pagine da completare.

La foglia è l'organo del cormo specificamente deputato alla fotosintesi, dunque in essa il parenchima clorofilliano (clorenchima) trova il suo maggiore sviluppo.

La foglia è l'unico organo ad accrescimento definito della pianta. I suoi fasci conduttori prendono il nome di nervature, e il suo inserimento sul fusto può avvenire in modo diretto tramite la lamina, o tramite una struttura assile detta picciolo.

Foglia e fusto, il cui sviluppo è interconnesso, sono collettivamente definiti germoglio.

Modelli morfologici e anatomia associata

Nelle Dicotiledoni la lamina fogliare è più o meno orizzontale e parallela al terreno. Conseguentemente, la sua faccia superiore risulterà direttamente esposta ai raggi solari, a differenza della faccia inferiore. Per questo motivo ne deriva tipicamente una foglia definita (a simmetria) "dorso-ventrale" o bifacciale.

Nelle Monocotiledoni è invece più frequente un portamento verticale o leggermente obliquo della lamina fogliare, le cui facce risultano sostanzialmente esposte allo stesso tipo di illuminazione.

Nelle Gimnosperme le foglie non hanno la forma di sottili lamine espanse, tipica delle Angiosperme, bensì di stretti e allungati cilindri aghiformi (p. es. foglia di Pino).

Unless otherwise stated, the content of this page is licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License