Pca3

Ecco il primo test molecolare per la diagnosi del tumore alla prostata

L’accuratezza di Progensa® Pca3 come predittore di positività alla biopsia in soggetti con precedente esito negativo si è rivelata superiore rispetto al test del PSA (antigene prostatico specifico).

La prostata è un organo fondamentale dell’apparato riproduttivo maschile e il cancro che la colpisce è il secondo per diffusione, dietro a quello al polmone. In Italia vengono registrati circa 11.000 nuovi casi all’anno di cui circa 6.300 sono i decessi (il 7% delle morti per tumore negli uomini). Secondo gli scienziati la possibilità di ammalarsi di cancro alla prostata aumenta esponenzialmente con l’età.

Uno studio pubblicato sul "Journal of Urology" nel maggio del 2008 ha mostrato che i punteggi ottenuti con Progensa® Pca3 favoriscono l’identificazione medica dei pazienti che necessitano di una terapia aggressiva. In questo modo si possono differenziare da coloro che sono affetti da forme localizzate e di basso grado che invece possono essere oggetto di una vigilanza attiva: identificazione che sino ad oggi ha creato non poche difficoltà.

Fonte: www.lastampa.it (3 luglio 2009)

Unless otherwise stated, the content of this page is licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License